Bulgaria: Una introduzione generale alla regolamentazione degli investimenti stranieri

Dopo il crollo del Blocco Sovietico, la Bulgaria ha subito una sostanziale ristrutturazione socioeconomica e ha aperto il suo mercato al capitalismo globale, integrandosi allo stesso tempo nelle reti di produzione europee e mondiali. Un elemento critico della riforma è stato quello di costruire un ambiente commerciale solido in cui le aziende potessero iniziare, investire, espandersi e uscire dal mercato. Tutto questo è stato raggiunto con il sostegno dell’Unione Europea (UE), a cui la Bulgaria ha aderito nel 2007.

L’attrattiva della Bulgaria come meta d’investimento risiede nella combinazione di tre fattori principali:

  • la forza lavoro dedicata e qualificata,
  • i bassi costi per fare affari (incluso il lavoro), e
  • la piena apertura al commercio e agli investimenti.

Il governo bulgaro cerca di attrarre gli investitori stranieri offrendo loro finanziamenti statali, un trattamento fiscale favorevole (tra cui un’aliquota fiscale forfettaria del 10%), opzioni per l’acquisto preferenziale di terreni e molti altri tipi di assistenza e agevolazioni.

La performance economica generalmente solida, la graduale convergenza con il mercato comune dell’UE, la stabilità politica e la politica fiscale hanno fornito stabilità e la possibilità per la Bulgaria di attrarre i principali investitori stranieri.

La Bulgaria ha una lunga e ricca tradizione nel settore della tecnologia informatia ed è ancora conosciuta come la Silicon Valley dell’Europa sudorientale.

Molte aziende di fama mondiale come SAP, Cisco, Atos, VMware, Johnson Controls, Microsoft, IBM e Oracle hanno già avviato in Bulgaria la loro attività. La Bulgaria è al 17° posto a livello globale per il 2021 ed è stata collocata tra le prime 20 destinazioni per l’outsourcing nel mondo da AT Kearney Global Services Location Index.

Tra gli investitori stranieri attratti dalle opportunità di outsourcing in Bulgaria ci sono Coca-Cola, Concentrix, Experian, HP e Sutherland. L’industria automobilistica bulgara ha anche ricevuto un’attenzione significativa dagli investitori stranieri. Produce componenti e parti automobilistiche per marchi come Lamborghini, Bentley, Porsche, Mercedes-Benz, BMW, Audi e Tesla. Il rapido avanzamento dell’industria negli ultimi anni ha portato all’espansione del settore al punto che attualmente si stima che generi l’11% del prodotto interno lordo del paese, spingendo molti investitori a considerare l’apertura di seconde o addirittura terze sedi.

Altri settori industriali con ottime prospettive per l’economia bulgara includono:

  • tecnologia ambientale (incluso il controllo dei rifiuti e le tecnologie di termovalorizzazione);
  • produzione di energia (inclusa la produzione di biomassa, gas ed energia nucleare);
  • viaggi e turismo (che giocano un ruolo critico nell’economia del paese);
  • agricoltura (inclusa l’industria delle bevande e degli alimenti, così come le attrezzature e i macchinari agricoli);
  • sicurezza e protezione;
  • prodotti farmaceutici; e
  • il settore sanitario e medico.

Come regola generale, la Bulgaria offre un trattamento nazionale agli investitori stranieri e non ci sono limiti generali alla partecipazione straniera o al controllo delle società, né c’è uno screening o restrizione degli investimenti stranieri in Bulgaria.

A titolo di eccezione, la legge sulle società offshore del 2014 elenca 27 attività vietate per le imprese registrate nei paradisi fiscali e le entità sotto il loro controllo, ma la legge fornisce anche una serie di eccezioni.

Ci sono anche restrizioni specifiche sugli investimenti stranieri nell’industria del gioco d’azzardo ai sensi della legge sul gioco d’azzardo del 2012 e per quanto riguarda l’acquisizione di terreni agricoli ai sensi della legge del 1991 sulla proprietà e l’uso dei terreni agricoli.

Tuttavia, queste restrizioni si applicano fondamentalmente ai paesi che non sono membri dello Spazio economico europeo (SEE) o dell’UE. Le restrizioni normative sulle attività commerciali come le autorizzazioni, le registrazioni e i requisiti per i permessi a volte implicano la registrazione aziendale sotto le leggi della Bulgaria o di un altro Stato membro dell’UE o dello SEE, ma questo non è di per sé un ostacolo agli investimenti perché gli investitori stranieri sono liberi di incorporare o partecipare a società bulgare.

Comments